Scegli il tuo Paese

Carrello 0 prodotti

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

News & Events

1-4 di 42

Page:
  1. 1

  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. ...
  7. 11
A Torino i gioielli di Gianfranco Ferrè splendono sotto un’altra luce

Per la prima volta a Torino, nei suggestivi saloni stile barocco di Palazzo Madama, va in mostra “Gianfranco Ferré. Sotto un’altra luce: Gioielli e Ornamenti”.

“Sotto un’altra luce” perché di Ferrè sono celebri gli abiti dalle strutture architettoniche, i suoi capi icona come le camicie bianche, le vesti scultura che fece per Dior, ma non i suoi gioielli e ornamenti, per lui invece una grande passione legata in modo inscindibile alle sue collezioni moda.

Più di duecento oggetti-gioielli, realizzati per le sfilate dal 1980 al 2007, ripercorrono per intero la carriera creativa del celebre stilista italiano.

Pietre lucenti, metalli smaltati, conchiglie levigate, legni dipinti, vetri di Murano, ceramiche retrò e cristalli Swarovski: un susseguirsi di collane, bracciali, spille sono raccontate come complemento dell’abito e suo accessorio ma allo stesso tempo esposte insieme ad alcuni capi in cui è proprio il gioiello a inventare e costruire l’abito, diventandone sostanza e anima.

Secondo Gianfranco Ferrè  il gioiello, come l’abito, veste e decora il corpo, ne sottolinea i punti-chiave, esercita la funzione di raccordo tra il primo e il secondo, ed è legato alla fisicità della figura umana, quasi ne facesse parte.

La mostra si propone dunque di offrire al pubblico la visione di un aspetto specifico della creatività e della progettualità di Gianfranco Ferré , quello che riguarda l’oggetto-gioiello , con l’intento di sottolineare come ad esso lo stilista abbia riservato sempre un’attenzione speciale, in termini di ricerca applicata sia alla forma che alla materia e in termini di ispirazione, con risultati quasi sempre innovativi e sorprendenti.

A mettere ulteriormente in risalto le creazioni di Gianfranco Ferré è l'allestimento (a cura dall’architetto Franco Raggi) giocato sul contrasto tra la Sala del Senato di Palazzo Madama e le strutture minimaliste ed essenziali in ferro e vetro dell’esposizione, grazie al quale i gioielli sembrano librarsi in volo nella penombra.

Presentata a Milano nella sede della Fondazione Ferrè - che organizza e produce il tutto assieme alla Fondazione Torino Musei - l’esposizione  è pensata per essere itinerante e si svela a Torino in anteprima mondiale fino al 19 Febbraio 2018.

Gente Roma: un nuovo spazio dedicato alla gioielleria

Apre un nuovo spazio interamente dedicato alla gioielleria presso la boutique Gente Roma di Via Frattina, 92.

In un’esclusiva cornice fatta di luci avvolgenti e teche dal design moderno, trova luogo una sofisticata scelta di orologi e gioielli di lusso, veri e propri capolavori di arte orafa.

Creatività, artigianalità e originalità sono gli elementi chiave della nuova area situata al primo piano della boutique, dove le novità più esclusive e gli ultimi arrivi di designer ricercati incontrano i marchi più prestigiosi.

La nuova area omaggia la Fine Jewellery in un ambiente elegante e curato in ogni dettaglio. La sua esclusiva proposta è l’espressione del lusso e delle ultime tendenze della moda mondiale.

Preziosi anelli, orecchini, collane, bracciali ed orologi circondano la stanza: dalla Fashion Jewellery fino all’ Alta Oreficeria, si compie un vero e proprio viaggio attraverso i codici dell'eleganza.

Tra i designer esposti si possono ammirare i preziosi firmati Aurélie Bidermann, Eddie Borgo, Annarita Celano, Bernard Delettrez, Yvonne Leon, GaGà Milano, Ruifier e Voodoo.

I gioielli sono una grande passione per le donne e per gli uomini amanti del Bello, accessori pregiati e sofisticati che da sempre donano un tocco ricercato ad ogni tipo di outfit.

Con il Natale alle porte, regalate un’emozione unica con le straordinarie collezioni ispirate al lusso e le creazioni firmate da designers italiani e internazionali.

Massimo Bottura firma la cucina del nuovo “Gucci Garden”

Si chiamerà “Gucci Garden” e sarà una location inedita che la griffe dalla doppia G porterà a Firenze, in piazza della Signoria, lo stesso giorno dell'avvio di Pitti Uomo.

Lo spazio scelto dalla maison, ideato dal Creative Director Alessandro Michele, aprirà le sue porte il 10 Gennaio all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia di Firenze, dove si trovava il Gucci Museum.

La location interamente rinnovata ospiterà una boutique in cui trovare articoli unici, un'area espositiva gestita dalla critica e curatrice Maria Luisa Frisa e infine, punta di diamante del Gucci Garden, il ristorante dello chef pluripremiato con tre stelle Michelin, Massimo Bottura.

Quello di Bottura è uno dei nomi più noti della ristorazione a livello mondiale. Oltre ad aver ricevuto le tre stelle Michelin, la sua Osteria Francescana di Modena si è classificata come primo ristorante al mondo nella lista dei “The World's 50 Best Restaurants Awards 2016” di New York (primo ristorante italiano ad aggiudicarsi il titolo).

È stato proprio il designer Alessandro Michele che ha voluto lo chef modenese per curare il restyling del settore ristorazione del nuovo progetto, scegliendo la creatività e l’altissima qualità del Made in Italy per il lancio del nuovo bistrot.

Gucci Garden andrà a rafforzare ulteriormente il rapporto tra la casa di moda e le sue radici fiorentine. Quest'anno, infatti, Gucci si è impegnato a donare 2 milioni di euro per ripristinare i giardini di Boboli in città nell'arco di tre anni e per l'occasione, nel maggio scorso, il marchio ha messo in scena la sfilata della collezione cruise 2018 nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti, che si affaccia proprio sul Giardino di Boboli.

100 Anni di Fotografia Leica per la prima volta a Roma

Arriva a Roma nella sua unica tappa italiana la mostra “I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica” ospitata al Complesso del Vittoriano – Ala Brasini fino al 18 febbraio 2018.

Curata da Hans-Michael Koetzle, tra i più rinomati critici della fotografia, regala scatti unici: volti, espressioni e momenti di vita immortalati sempre e solo con la piccola e maneggevole Leica. Un apparecchio rivoluzionario, duttile e flessibile che, dal 1920 ad oggi, ha cambiato prepotentemente il modo di percepire e fare fotografia. Oltre 350 stampe d'epoca originali di celebri fotografi di tutto il mondo come Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, Alberto Korda and Garry Winogrand.

L'esposizione è un viaggio nel tempo e nella storia, per celebrare quello che la "lillipuziana", come il suo inventore Oskar Barnack chiamava la Leica, prima macchina compatta con pellicola cinematografica 35 mm costruita nel 1914 e immessa sul mercato nel 1925 a causa della guerra, ha dato al mondo visuale.

Non c’è stato fotografo Leica che non abbia avuto un attaccamento speciale alla propria macchina. Primo tra tutti Henri Cartier- che non riuscì mai ad allontanarsi dalla Leica, tanto da affermare: “Le altre macchine fotografiche che ho provato mi hanno sempre convinto a ritornare da lei… Finché farò questo lavoro, questa è la mia macchina fotografica”.

L'esposizione offre 16 sezioni dove ammirare modelli originali Leica, locandine pubblicitarie vintage, riviste storiche, prime edizioni di libri, che documentano l'uso per foto d'arte, di moda, d'autore, reportage, fotogiornalismo, nei diversi paesi del mondo e a 360 gradi per scoprire come la maggior parte delle immagini impresse nella nostra memoria, siano state scattate proprio con una Leica.

Scoprite inoltre le edizioni in esclusiva per Gente Roma presso la nostra boutique di Via Frattina, 92 e online su www.genteroma.com.

1-4 di 42

Page:
  1. 1

  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. ...
  7. 11

Questo sito fa uso di cookie propri per migliorare la tua esperienza di navigazione e di terze parti per inviarti messaggi promozionali in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni e modificare le impostazioni dei cookie, clicca qui. Se clicchi sul tasto “OK” o se prosegui nella navigazione accetti l’uso dei cookie.